Come si diventa business Coach professionista

il boom del business coaching

L’intervista su Economy del Dott. Simone Marzola, direttore della scuola di Coaching di Formorienta

Mai come in questo momento storico di ripresa, c’è bisogno di figure professionali che insegnino a risvegliare il potenziale umano nella vita lavorativa e personale. E a ripartire motivati.
Dopo il prolungato periodo di incertezza lavorativa per l’emergenza pandemica, quello del coach professionista sta diventando un mestiere in crescita, in considerazione della avviata ripresa. Una figura altamente qualificata che si va sempre più imponendo e il cui titolo, riconosciuto a norma di legge, è ora conseguibile anche online.
Ad affermarlo è il dott. Simone Marzola di Padova, direttore del centro di formazione Formorienta e responsabile didattico della scuola di coaching.
Nei mesi scorsi il professionista padovano ha istituito un corso di formazione online in videoconferenza per diventare coach professionista che conta attualmente un numero significativo di iscritti da tutta Italia, fra imprenditori, dirigenti, liberi professionisti e manager di strutture pubbliche e private.
È noto che il business coaching può accompagnare verso il miglioramento attraverso un programma di azioni specifiche, pratiche e misurabili come sviluppare la propria leadership, migliorare l’efficacia delle relazioni tra collaboratori, affrontare con successo i primi mesi in un nuovo ruolo o una nuova impresa, definire meglio le
 proprie priorità d’azione, prendere decisioni e risolvere problemi con maggiore creatività, raggiungere obiettivi sfidanti, trovare una ricollocazione sul mercato del lavoro, sviluppare un proprio piano di carriera. In sintesi: trovare il proprio lato umano del lavoro.
Simone Marzola è laureato in Giurisprudenza e ha conseguito un Master universitario di 2° livello in formazione e sviluppo delle risorse umane all’Università degli Studi di Padova, ottenendo il 1° premio di studio. Inoltre ha una decennale esperienza pratica sul campo come life & business coach per realtà famose con molti dipendenti.
Dottor Marzola, come mai secondo lei tanto interesse attorno alla figura del coach?
Fondamentalmente il coach è un professionista che aiuta i propri clienti o collaboratori a massimizzare i risultati. È come un allenatore che, soprattutto nelle organizzazioni, ha un ruolo cardine, in quanto permette di gestire gruppi di lavoro in team, sollecitare l’auto-motivazione, facendo leva sulle capacità latenti e sui talenti di ognuno. Mai come in questo momento storico c’è bisogno di figure professionali di questo tipo per risvegliare il potenziale umano nella vita professionale e personale
Lei, come docente, da dove parte per costruire il percorso formativo degli interessati?
Da docente e coach parto anch’io dalla valorizzazione delle potenzialità e delle competenze individuali. Il percorso formativo, attraverso moduli di studio pratici e una metodologia altamente partecipativa ed esperienziale, ha come obiettivo il trasferimento di strumenti e tecniche di coaching, innovativi e concreti; vuole, quindi, consegnare ai Partecipanti un vero e proprio metodo di lavoro e di vita, orientato a rafforzare la propria leadership e a sviluppare le performance di un team di lavoro. Il corso ha come obiettivo anche quello di formare, soprattutto nella pratica, la figura del Life Coach e del Business Coach figure, oggi giorno, fondamentali per far crescere la resilienza e il potenziale del proprio Coachee o del proprio Cliente. È straordinario quello che si riscontra quando da un giacimento di talenti si estrae la qualità che fa la differenza. Siamo tutti dotati di creatività e tutti attrezzati per esprimerla, ma a volte va ricercata come fa il rabdomante con l’acqua. Per farla sgorgare.
Come si svolge il corso?
Il corso è articolato in 80 ore, distribuite su 5 weekend, con la formula delle lezioni in diretta in videoconferenza online. Si utilizzano cioè le piattaforme di e-learning per le esercitazioni, con la possibilità di consultare schede, dispense, test, video e manuali accessibili 24 ore su 24.
Quindi teoria e anche pratica?
Naturalmente. L’allenamento comporta anche e soprattutto sessioni di coaching pratico ed esperienziale, importantissime ai fini del risultato. Compatibilmente con la formula della formazione a distanza.
Ci sono molti iscritti al suo corso di coaching online?
Sì, soprattutto manager e liberi professionisti, perché ciò che viene incamerato durante il percorso formativo, oltre ad essere un arricchimento personale, sono competenze subito spendibili nel mercato del lavoro.
Alla fine rilasciate un attestato di qualifica che consente di operare?
I partecipanti vengono formati per esercitare a pieno titolo, con tanto di attestato riconosciuto ai sensi della legge 4/2013. Forniamo tutti gli strumenti per essere, a tutti gli effetti, un coach professionista.

Scopri il corso di coaching >